Indagato pure Frongia

Come al solito gli tocca la parte di sfigato della comitiva.

Frongia, ce ne eravamo dimenticati: in effetti esiste pure Frongia.

Mi occupai di lui all’inizio del mandato della Raggi.

Voleva fare il Capo di gabinetto in modo talmente avventuroso che fui costretto ad intervenire.

E lui fu costretto a rinunciare.

Con l’arresto del suo amico Marra perse pure i gradi di vicesindaco, rimanendo titolare delle deleghe allo sport.

Ora la Procura lo accusa di corruzione per aver chiesto a Parnasi di assumere una sua amica, senza peraltro neppure riuscire ad ottenere il posto.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, infatti, mentre tutti intascavano soldi, parcelle e benefit di vario genere per realizzare questo benedetto stadio, l’unico sfigato a chiedere solo un’assunzione per un’amica senza neppure poi ottenerla sarebbe stato Frongia.

Più che un corrotto, direi un misero questuante.

Per quanto la vicenda all’apparenza sembri ben attagliarsi al malinconico profilo dell’assessore, vale anche per lui il pregiudizio di innocenza, fino a prova contraria.

Vedremo ora se anche lui verrà cacciato dal Di Maio furioso, come è capitato a De Vito, o se in questo caso gli sarà riconosciuto il beneficio del dubbio.

Solo il tempo ci dirà se davvero si è macchiato del reato di tentata assunzione di un’amica...

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna