Gli sfasciacarrozze da soli non se ne vanno

Niente da fare, si insultano, si minacciano a vicenda, ma alla fine restano barricati nei ministeri.

Bisognerà cacciarli.

Senza fretta...

Buffa storia questa dei 5 stelle, ascesi al potere in nome dell’antiparlamentarismo e della contrapposizione alla casta e al palazzo, e finiti barricati nelle stanza del potere, dopo aver perso quasi la metà dei consensi e aver trasformato l’alleanza del governo del popolo in una sceneggiatura degna di un sequel della Guerra dei Roses.

Le inchieste continuano a falcidiare i due partiti di governo, a Roma sono indagati i 5 stelle, mentre in Parlamento cadono uno dopo l’altro Ministri e sottosegretari della Lega: prima Siri, poi Rixi e ora potrebbe toccare a Garavaglia.

L’economia è bloccata, i rimborsi per i risparmiatori pure, le opere pubbliche peggio e anche la disoccupazione vive giorni di gloria.

Dopo il risultato della Meloni, Salvini non ha più alibi, eppure continua imperterrito a fare lo scudiero di Di Maio.

La sceneggiata di Conte non produce, come previsto, nessuna conseguenza.

Salvo una certa compassione nei cuori più generosi...

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna