Ursula Von Der Leyen spacca i gialloverdi

Ursula Von Der Leyen spacca i gialloverdi e mette fine ai sogni di gloria europei della Lega.

Intanto Salvini è assediato dai suoi alleati.

Poveri sfasciacarrozze: dopo aver ripetuto per mesi che con il voto europeo avrebbero stravolto gli equilibri della Commissione, Di Maio e Salvini si sono divisi sul voto per il Presidente Ursula Von Der Leyen, con cinque stelle a favore e leghisti contrari, per poi ritrovarsi con Ursula eletta e Giorgetti fuori dalla Commissione europea.

Davvero un figurone.

Sui giornali sono apparse reciproche accuse di tradimento, tanto che il premier Conte ribadisce in un articolo apparso su Repubblica di aver agito per il bene del Paese.

La verità è che non solo negli orientamenti generali della Commissione europea non cambierà un bel niente, ma oltretutto la Lega rischia di restarne fuori con i 5 stelle chiaramente schierati a sostegno della tanto vituperata burocrazia comunitaria, di cui la nuova commissione costituisce un elemento di continuità.

Nel frattempo l’inchiesta sui rubli e sul petrolio di Putin vede Salvini assediato dai suoi alleati di Governo e persino da Conte, che andando a riferire in Parlamento mentre Salvini si rifiutava di farlo lo ha messo di fatto alla berlina.

La verità è che questo governo è durato fin troppo e ha prodotto solo danni per il Paese.

Salvini deve rendersene conto prima che si esaurisca e si inverta la sua fortuna nei sondaggi.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna