Manovra del popolo: contiene un condono per banche

Colpo di scena: la Manovra del popolo contiene un bel condono per banche, Bankitalia e CONSOB, ben nascosto tra le norme di ristoro ai risparmiatori truffati.

Come ripeto spesso, non serve essere parlamentari per fare politica ad un certo livello e per difendere efficacemente i diritti dei cittadini e, nel nostro caso, dei risparmiatori.

Perciò se mai davvero qualcuno, per ritorsione al mio lavoro nella commissione banche, avesse pensato di evitare future complicazioni incoraggiando la mia esclusione dalle liste del centrodestra, avrebbe fatto un calcolo del tutto sbagliato.

Perché fuori o dentro il Parlamento chi ha un ruolo politico e sa svolgerlo, semplicemente continua a svolgerlo.

Ma lasciamo perdere le ipotesi di fantasia e parliamo di una realtà che le supera di gran lunga.

Il Governo del popolo, che naturalmente ha fatto una Manovra del popolo, ha nascosto alla lettera f) del comma 2 dell’articolo 38 della legge di bilancio una norma che ha fatto incazzare, a ragione, il popolo dei truffati dalle banche.

Io stesso, che me ne sono accorto per primo, non credevo ai miei occhi.

In pratica la legge garantisce un rimborso del 30 per cento agli azionisti truffati che abbiano visto riconosciute le proprie ragioni dall’arbitro Anac o da quello Consob o da un giudice.

Ma c’è ovviamente un trucco: se accetti il rimborso devi rinunciare a citare in giudizio le banche, Consob o Bankitalia, rinunciando così a recuperare il 70 per cento mancante.

Di fatto un condono.

Avete capito bene: se mi hanno fregato 100.000 euro e lo riconosce un collegio arbitrale, non solo lo Stato me ne restituisce solo 30.000, a spese dei contribuenti, ma si pretende che io non citi in giudizio la banca.

Così la banca non paga un euro, ma neppure gli organi di vigilanza se non hanno fatto il loro dovere.

Tutta la storia dei rimborsi ai truffati si trasforma così in una grande transazione truffaldina, che mette al riparo dalle carte emerse in commissione banche e dalle prime sentenze della magistratura che riconoscono le responsabilità della vigilanza, banche, Bankitalia e Consob.

Il Fatto quotidiano ha dedicato a questa storia la pagina di apertura dell’inserto economia.

Abbiamo cosi iniziato una battaglia che merita di essere combattuta.

Questo condono non deve diventare legge.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna