Augello: sorprendente che dopo le dichiarazioni spontanee rese dal sindaco Marino non ci siano ancora indagati

"Contrariamente a quanto va ripetendo da ieri il Sindaco Marino, dopo le sue dichiarazioni spontanee rese ai Magistrati, il caso degli scontrini si configura come una vicenda ben più grave, dal punto di vista penale, di una semplice accusa di peculato.

Ignazio Marino, ancora in carica per l'ordinaria amministrazione per altri venti giorni e quindi pubblico ufficiale, ha disconosciuto la sua firma in calce alle lettere di resoconto delle spese da lui sostenute trasmesse all'amministrazione.

Augello su rimpasto giunta Marino: no al dopolavoro dei parlamentari

COMUNICATO STAMPA

"Leggo con curiosità che il tanto strombazzato azzeramento della Giunta Marino in favore di un'amministrazione dei migliori e degli onesti, si concretizzerebbe nella cooptazione degli onorevoli Melilli e Meta, i quali però ben si guarderebbero dal dimettersi dal Parlamento, come invece fu imposto all'incolpevole Marta Leonori per far posto a quel gran campione di trasparenza dell'ex Assessore regionale Marco Di Stefano".

È quanto dichiara il Senatore Andrea Augello commentando le voci su un imminente rimpasto nella Giunta Marino.

"Intanto non si capisce perchè Melilli sia migliore e più onesto di Nieri, al punto da soppiantarlo come Vice Sindaco: non discuto che sia il migliore di Poggio Moiano, sua patria politica e ridente borgo sabino dove il nostro è universalmente considerato un politico straordinario.

Tuttavia a Roma è possibile, con facilità, trovare di meglio, posto che Roma è infinitamente più grande della corrente di Matteo Orfini.

Quanto alla sua onestà, non è certo superiore a quella di Nieri: ad entrambi, in fondo, si può solo rimproverare di aver chiesto per telefono qualche posto di lavoro a Buzzi o a Ovedaine.

Michele Meta, invece, non è esattamente quel che si dice una giovane promessa e neppure una smagliante immagine del rinnovamento vagheggiato da Renzi, ma almeno ha il vantaggio su Melilli di avere un'oggettiva esperienza amministrativa nel settore dei trasporti e conosce Roma.

Rimane tuttavia inaccettabile immaginare che i due parlamentari possano svolgere un dopolavoro amministrativo nella Giunta o che i due Assessori compiano la medesima operazione alla Camera dei Deputati.

Non si capisce perché la povera Marta Leonori si sia dovuta dimettere e loro no.

Forse l'Onorevole Di Stefano potrebbe aiutarci a svelare l'arcano".

Roma, 13 Luglio 2015

INTERVISTA "Dopo la relazione di Gabrielli, Marino ci liberi dall'imbarazzo"

Romatoday ha intervistato il senatore di NCD Andrea Augello in merito alla delicata questione della Capitale:

  • Lo scioglimento per mafia? "Spetta al ministro Alfano decidere. Ma la relazione di Gabrielli pone una questione morale al sindaco"