Interrogazione al Ministro degli Interni 19/12/2014

Il sottoscritto Senatore, premesso che:

  • l'inchiesta aperta dalla Procura della Repubblica di Roma sul supposto sodalizio mafioso denominato dai media Mafia Capitale, ha portato alla luce attraverso migliaia di pagine di intercettazioni una serie di presunti reati legati ad episodi di corruzione ripetutisi negli anni e attraverso diverse amministrazioni nell'ambito del Comune di Roma;
  • molte di queste intercettazioni sono state pubblicate dagli organi di stampa e, tra queste, ne compare una riferita all'attuale vice capo di Gabinetto del Sindaco di Roma, Maurizio Pucci;
  • in particolare uno dei principali indagati, il signor Buzzi, dichiara, riferendosi alla volontà del Sindaco Marino di nominare Pucci Direttore Generale dell'Ama: "Ieri praticamente è successo che sto matto de Sindaco ha convocato una Giunta straordinaria per far fuori Fiscon e mettece Pucci. Quindi levava una brava persona e ce metteva un ladro, perché Pucci è un ladro rubava per il partito, ma tanta roba gli è rimasta attaccata quindi non rubava per il partito...allora abbiamo avvisato i nostri amici, i capigruppo, i nostri amici e si è alzato un po' il fuoco de sbarramento... ";
  • probabilmente si tratta di una dichiarazione mendace, tanto più che il Sindaco ha di recente affermato in una lettera al quotidiano Repubblica di non essersi mai occupato della nomina del Dottor Fiscon a direttore Generale dell'Ama, a meno che gli inquirenti non abbiano acquisito prova contraria. Tuttavia è bene ricordare che il signor Buzzi conosce benissimo il signor Pucci, perché quest'ultimo ricoprì per un certo periodo l'incarico di Direttore operativo dell'Ama, dopo essere stato assunto come dirigente con criteri mai del tutto chiariti;
  • Pucci fu poi allontanato da quell'incarico, per aver sforato i limiti di budget degli straordinari del personale da lui coordinato, dopo aver peraltro elaborato un piano di affidamenti all'esterno per bonificare le piccole discariche abusive, investendo così un settore di intervento delle cooperative;
  • il signor Pucci è anche noto per un'altra disastrosa vicenda che lo vide protagonista nella veste di direttore della Protezione civile regionale in occasione dell'aggiudicazione e della realizzazione dei lavori di ristrutturazione dei sotterranei del Policlinico Umberto I;
  • Pucci avrebbe dovuto svolgere la supervisione del progetto, che in effetti si rivelò un vero e proprio fallimento: in pratica nel sotterraneo le condutture elettriche e quelle del gas furono posizionate violando qualsiasi norma di legge, mettendo a repentaglio la sicurezza del nosocomio ed esponendolo al rischio di un'esplosione;
  • Secondo la Procura, i vertici aziendali avrebbero redatto una serie di verbali fasulli, per il tramite di un architetto compiacente responsabile del progetto, favorendo illecitamente l'aggiudicazione dei lavori alla Società Italiana Costruzioni, per un importo di circa 12 milioni di euro;
  • I rischi di un disastro per il Policlinico determinarono il sequestro dei sotterranei nel 2012;
  • Sull'episodio sono ancora aperte due inchieste: una della Procura di Roma con 14 indagati ed una seconda della Corte dei Conti, che dovrà accertare le responsabilità del danno erariale riportato dalla Regione;
  • Per i lavori del Policlinico il signor Pucci è stato inizialmente indagato, ma successivamente, secondo informazioni raccolte dall'interrogante, la Procura avrebbe escluso una sua responsabilità penale diretta, concludendo che la sua attività di supervisione è stata certamente inadeguata, fino al punto di contribuire a consentire il finanziamento dell'opera, ma non penalmente rilevante;
  • la stessa Procura della Repubblica di Roma ha inoltre aperto un'inchiesta sull'appalto per la rimozione delle auto in sosta vietata gestito dal consorzio di cooperative CTL (Consorzio Trasporti Lazio) per conto dei vigili urbani di Roma;
  • secondo gli inquirenti alcune cooperative fantasma aderenti al consorzio avrebbero truffato il Comune di Roma facendosi rimborsare operazioni di rimozione mai eseguite;
  • tra queste cooperative risulterebbe coinvolta la Global Service, il cui Presidente, il signor Bonanni, è stato indagato insieme al signor Luca Pucci, fratello del vicecapo di Gabinetto del Sindaco, signor Maurizio Pucci, per la truffa ai danni del Comune;
  • il dettaglio più inquietante è che il signor Bonanni è scomparso da mesi, forse rendendosi irreperibile o forse peggio;
  • l'altro dettaglio inquietante è che la cooperativa Global Service svolgeva il lavoro di subappalto, pur non disponendo nemmeno di un carro attrezzi: i mezzi gli venivano infatti forniti dal signor Luca Pucci che risulterebbe così essere il dominus occulto della cooperativa;
  • sono ancora in corso le attività di raccolta dati conferite dalla Prefettura ai tre commissari incaricati di verificare il livello di infiltrazioni criminali mafiose nel Comune di Roma.

Tutto ciò premesso, il sottoscritto Senatore chiede al Ministro degli Interni se ritenga utile segnalare al Prefetto l'opportunità di acquisire tutti gli atti relativi all'appalto del Consorzio Trasporti Lazio e gli atti relativi agli appalti assegnati dall'Ama nell'ambito della delega del signor Maurizio Pucci nel periodo in cui svolgeva le mansioni di Direttore operativo.

Roma, 19 Dicembre 2014

Il Senatore

( Andrea Augello )

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna